5 curiosità sul russo e su chi lo parla

La lingua russa è un vero e proprio mistero per chi non la parla. Per chi è all’inizio del suo percorso di studio, questa lingua può essere sia eccitante che travolgente a causa di vari fattori: l’alfabeto è davvero particolare, le parole non vengono pronunciate nel modo in cui sono scritte ed è una delle poche lingue di origine slava che esiste ancora ai giorni nostri. Ma vale veramente la pena impararla! Qui sotto troverete alcuni motivi per cui questa lingua e coloro che la parlano sono così interessanti e intriganti.

Se hai intenzione di diventare un astronauta, imparare il russo sarà indispensabile.

Il russo è la lingua principale utilizzata nel panorama del linguaggio spaziale e in caso di emergenza gli astronauti ricevono tutte le istruzioni in russo. Una parte del processo per diventare astronauta (in realtà dovrei dire cosmonauta) include vivere per un periodo a Mosca per imparare la lingua.

2. Esistono solo 200,000 parole nella lingua russa.

Nel corso del XIX secolo la quantità di parole è raddoppiata poiché, allora, le parole registrate nei dizionari erano solo 50,000-100,000. Questo numero è molto piccolo se paragonato a quello della lingua inglese che vanta più di un milione di parole. I parlanti russi, in realtà, usano solo una parte di queste parole e per questo scoprirete che molte parole hanno più di un significato.

3. I nativi parlanti russi hanno meno difficoltà a distinguere tra differenti gradazioni del colore blu rispetto ai parlanti inglesi.

Questo è dovuto al fatto che i russi dividono il colore blu in due categorie completamente diverse (come in italiano d’altronde): синий (“seeniy” che corrisponde al blu) e голубой (“goluboy” che corrisponde all’azzurro). Da uno studio condotto su persone le cui lingue natali erano il russo e l’inglese, è risultato che i parlanti russi riescano meglio a distinguere e classificare diverse gradazioni di blu rispetto ai parlanti inglesi.

4. La parola russa per dire “tedesco” è “немецкий” (nemetski) che letteralmente significa “colui che non sa parlare.

La radice della parola deriva dal termine russo che significa “muto”, che casualmente coincide anche con “stupido” e “inarticolato”. Немецкий era il termine utilizzato in origine per indicare tutti gli stranieri che non parlavano russo, ma molti degli stranieri erano di origine tedesca e quindi il termine è rimasto per indicare questo popolo.

5. Il russo è la lingua più diffusa ed utilizzata in tutta l’Eurasia.

Fra tutte le lingue native europee è la più diffusa ed è, di gran lunga, la lingua slava più parlata. Ma più importante ancora, è la settima lingua più utilizzata al mondo.
Davvero notevole!

 

[Translated into Italian by Elena Bianchini, can find the original article in English here]

Avatar

Posted by Elena Bianchini

Hi everyone! My name is Elena and I’m a young italian student actually based in Moscow. I just got my graduation in languages and economics. I can speak English, Russian and Spanish. I’m really interested into traveling and exploring new places. So I decided to spend four months in Russia, studying at the Liden & Denz Centre of Moscow, in order to improve my russian and reach a good level of speaking. In future I would like to work in the commercial sector connected with the russian market. Furthermore, I love every aspect of the russian culture and I would like to analyze it deeper. I’m really interested into the history and the traditions of this country. I’m here in Moscow just from one month and I’m already in love with this city!

Leave a reply