Piccolo dizionario di San Pietroburgo

Vuoi scoprire San Pietroburgo? Allora devi assolutamente conoscere queste parole! Pur essendo relativamente giovane (un’arzilla “signora” di 314 anni), San Pietroburgo è la patria per eccellenza della cultura e della storia. Dai un’occhiata a questo piccolo dizionario di San Pietroburgo e scopri ciò che rende questa fantastica città così unica!

 

1) Блокада (Assedio)

L’assedio di Leningrado (Блокада Ленинграда) è stato uno dei momenti più tragici nella storia della città, protrattosi per ben 872 giorni, dal settembre del 1941 fino al gennaio del 1944.  Le forze armate tedesche accerchiarono la città bloccando tutte le vie di rifornimento della città e rimase aperto solo un piccolo corridoio verso il lago Ladoga, che prese il nome di “Strada della Vita” (‘Дорога жизни’). I cittadini di San Pietroburgo patirono terribili sofferenze e più di un milione di essi morì, principalmente di fame. L’eroico sacrificio dei pietroburghesi è ancora oggi molto sentito e numerosi sono i luoghi della città che lo ricordano (il Museo memoriale dell’Assedio di Leningrado è dedicato a questo difficile periodo storico). Nel 1945, alla città di San Pietroburgo fu conferito il titolo di “città eroina” (‘герой-город’).

 

2) Болото (Palude)

La storia della fondazione di San Pietroburgo è leggendaria: Pietro il Grande desiderava per il suo Paese una capitale con uno sbocco sul mare e decise, quindi, di costruire una città alla foce del fiume Neva nel 1703. Questa impresa monumentale, alla quale presero parte migliaia e migliaia di schiavi, portò alla costruzione di una delle città più belle al mondo. Ciononostante, San Pietroburgo è costruita su una palude! Per questo motivo, la città si estende su molte isole ed è caratterizzata da un clima umido, piovoso e da frequenti inondazioni.

 

3) Греча (Grano saraceno)

Vero e proprio simbolo della cucina russa, la гречка ha un posto speciale nel cuore di ogni russo. Straordinariamente economica e salutare, la гречка diventa davvero saporita se condita con molto, molto burro! Tantissimi proverbi russi sono stati ispirati da questo celebre piatto e il mio preferito è “гречневая каша – матушка наша, а хлебец ржаной – отец наш родной” (potremmo tradurlo come “la greča è la nostra mamma e il pane di segale è il nostro papà).  Da notare, poi, come i pietroburghesi facciano cadere la lettera “k”, trasformando la parola russa “grečka” in “greča”. Non stupirti, quindi, se sui menù di San Pietroburgo troverai scritta la seconda parola, non è un errore di battitura!

 

4) Корюшка (Sperlano)

Sembra che Pietro il Grande in persona chiamasse la корюшка “lo zar dei pesci”.  Questo piccolo pesce, prelibatezza di San Pietroburgo, abbonda nei corsi d’acqua della città (ed è bene, se consideriamo la grande domanda!). La migliore stagione di pesca della корюшка è tra aprile e maggio, e ogni anno viene organizzata una sagra interamente dedicata ad essa. Piccolo dettaglio: la корюшка odora di cetriolo, ma vi garantisco che il sapore è diverso!

 

5) Петроград, Ленинград (Pietrogrado, Leningrado)

Tanti sono i nomi che la città ha assunto nel corso degli anni. Originariamente chiamata San Pietroburgo, essa venne ribattezzata Петроград nel 1914, durante la Prima guerra mondiale (il nome “San Pietroburgo”, infatti, sembrava troppo tedesco). Nel 1924 il nome della città divenne Ленинград , in onore del leader sovietico. Dopo la caduta dell’URSS, si tornò all’originale San Pietroburgo. Nel corso della propria vita, alcuni pietroburghesi nacquero a San Pietroburgo, andarono a scuola a Pietrogrado, si sposarono a Leningrado e morirono a San Pietroburgo senza mai essersi trasferiti!

 

6) Пышки (Ciambelle)

Sei in cerca di un autentico dolcetto sovietico? Allora prova i пышки! Simili a delle ciambelline, i пышки sono leggeri e croccanti e sono una leccornia per i più golosi. Il luogo per eccellenza dove poter assaporare questa prelibatezza si trova a pochi passi dalla Prospettiva Nevsky, sulla Bolshaya Konyushennaya. Noto semplicemente come Пышки, esso utilizza la stessa ricetta dal 1958 ed è affollato a qualsiasi ora del giorno (anche i pietroburghesi non riescono a farne a meno!)

 

7) Сезон навигации (la stagione della navigazione)

Un aspetto simbolico della vita pietroburghese, la сезон навигации fa riferimento alla stagione di apertura degli immensi ponti mobili che attraversano la Neva. La stagione normalmente dura da aprile a novembre e permette alle grandi navi da carico di spostarsi lungo il fiume. L’apertura dei ponti è uno spettacolo straordinario che attira molti turisti e pietroburghesi durante le notti bianche (Белые ночи). Assicurati, però, di essere dal giusto lato del ponte (di solito rimangono sollevati per alcune ore!).

 

8) Шаверма (Shawerma)

Nota come шаурма in qualsiasi altra parte della Russia, questo kebab di carne è molto popolare in tutta San Pietroburgo. Шаверма è il modo con cui i pietroburghesi chiamano questo tipico cibo da strada (e sembra proprio che ne vadano ghiotti!). La carne è servita in un panino ed è accompagnata da hummus, tahina, pomodori e cetrioli. Anche se di origine mediorientale, lo шаверма ha sicuramente trovato la patria adottiva a San Pietroburgo.

 

Spero che queste parole ti abbiano fatto scoprire qualcosa in più sulla fantastica cultura di San Pietroburgo. Non dimenticarti di dare un’occhiata al blog di Liden & Denz per leggere più articoli riguardo a questa meravigliosa città!

Questo post è stato scritto da Tilly Hicklin, studentessa presso l’Istituto Liden & Denz di San Pietroburgo. 

Avatar

Posted by Tilly Hicklin

My name is Tilly, and I am an intern and Russian language student at Liden & Denz in St. Petersburg. I am on my year abroad from the University of Bristol, where I study in England. My main interests are art, literature and history and I also love to travel. I look forward to telling you all about my time in St. Petersburg!

Leave a reply